Ristorazione scolastica: le novità per il prossimo anno


  • luglio 24, 2017


  •  

    Un aiuto economico alle famiglie e piatti regionali nei menù: queste le principali novità per il servizio di ristorazione scolastica nel prossimo anno. La Fondazione Specchio dei Tempi (sin dalla sua costituzione impegnata a sostenere progetti per l’istruzione e il benessere dei minori in Italia e nel mondo) ha deciso di destinare una donazione (di oltre 110mila euro) a sostegno di quelle famiglie che, pur pagando regolarmente le tariffe, si trovano in maggiori difficoltà a reggere la spesa per la ristorazione in quanto particolarmente colpita dalla crisi economica. Questo contributo sarà in particolare volto a coprire la quota fissa del costo del servizio per le famiglie i cui figli frequentano la seconda elementare.

    Per quanto riguarda la scuola primaria si è voluto fare un passo in più e provare a costruire dei menù più accattivanti: grazie alla professionalità dell’Associazione Cuochi di Torino sono stati messi a punto dei menù ispirati alle tradizioni regionali, da proporre a settimane alterne (due volte al mese). Le regioni interessate per quest’anno scolastico saranno Liguria, Sicilia, Emilia Romagna, Lazio, Trentino Alto Adige, Puglia, Toscana, Abruzzo e, ovviamente, il Piemonte. Oltre a fornire l’occasione di far conoscere ai bambini nuovi sapori e nuove ricette, l’iniziativa mira ad essere spunto per progetti educativi sul piano non solo delle nozioni geografiche ma anche di cultura alimentare, nonché opportunità di riflessione su cibo identità e conoscenza .

    Occorre ricostruire su questo terreno – conclude l’Assessora – un rapporto tra scuole e famiglie, e tra famiglie e Comune. Se lo scopo è riconquistare la fiducia dell’utenza per riportare nel servizio chi l’ha abbandonato nello scorso anno scolastico, non si tratta di un obiettivo perseguibile con gesti simbolici o eclatanti e con qualche slogan. Bensì lavorando a lungo e seriamente per capire, di concerto con tutte le autorità e gli enti interessati, come agire sull’intero sistema sotto diversi punti di vista: costo, qualità, sicurezza e soprattutto prevenzione. Tutto questo perché è obbligo delle istituzioni riportare la situazione a una condizione di equità sociale all’interno del sistema”.

    Durante la conferenza stampa sono stati illustrati i dati riguardanti il gradimento (per tutte le categorie di piatto) che emergono dalle rilevazioni delle Commissioni mensa e quelli delle indagini di customer satisfaction svolte dall’Università di Torino.

    Torino, 20 luglio 2017

     

    > scarica il pdf del Comunicato Stampa

    > scarica il pdf con i dati sul gradimento dei pasti

    daniele

    You might also like

    Follow Me
    Tag
    Ultimi Articoli
    Archivio

    Enter Your Contact Form 7 Shortcode in Cone Options!

    © 2016 Federica Patti. Designed by Studioata.