Ripensare la mensa: Terra Madre e Slow Food

  • By daniele
  • Set 26th, 2016
  • 2016

  • Settembre 26, 2016


  •  

     

    Ho avuto il piacere di intervenire a Terra Madre nel corso del dibattito “Ripensare la Mensa”. Gli interlocutori hanno messo a confronto diversi modelli: quello americano, ceco, danese, giapponese e alcune sperimentazioni dei paesi africani. Il confronto è stato molto interessante e ricco di spunti. In tutti i racconti la sostenibilità del processo, insieme a quella legata alla produzione del cibo, è un obiettivo ormai imprescindibile.

    Da questo incontro esco rafforzata nella convinzione che la mensa scolastica debba essere indubbiamente migliorata ma assolutamente mantenuta, e mantenuta per tutti.
    Mentre altri paesi guardano al modello italiano come a una conquista, proprio perché le istituzioni garantiscono a chi non ha mezzi economici di avere un pranzo completo e a chi ha mezzi economici, ma non culturali di nutrire correttamente i bambini (ricordiamoci che il tasso di obesità infantile in Italia è in crescita) – noi stiamo mettendo in crisi questo modello.
    Nel mio breve intervento di chiusura provo a fare alcune riflessioni generali, su quanto detto e su quanto sta accadendo qui da noi; credo che l’unica via per riuscire a mantenere e migliorare il nostro servizio possa avvenire solo attraverso il coinvolgimento – e il confronto costruttivo – di tutti gli attori: le famiglie, la scuola, le ditte di ristorazione, i produttori.

    Carlin Petrin nel suo bellissimo discorso inaugurale di Terra Madre ha parlato di un bene che non viene mai citato che è il “bene di relazione”. Un bene, legato al cibo, che io personalmente ho iniziato ad apprezzare quando, sette anni fa, sono entrata a far parte di un gruppo di acquisto solidale (gas). Oggi dovremmo fermarci a riflettere su come ritrovare questo “bene di relazione” di fronte a un sistema che deve reggere numeri alti come il nostro che prevede 36.000 pasti al giorno nella scuola dell’obbligo.
    Questa è la grande sfida da affrontare, una sfida che non si può affrontare divisi e non si può affrontare individualmente.

    Venerdì 23 settembre ci siamo ritrovati a Cascina Falchera con le amministrazioni di Asti, Bra, Genova, Grugliasco e Parma per iniziare un confronto tra modelli di gestione della refezione scolastica. Questo primo appuntamento ha convinto tutti i soggetti coinvolti che questo tavolo di confronto debba essere permanente e allargato ad altre realtà locali d’Italia, proprio perché solo confrontandosi si può migliorare individuando punti di forza e debolezza di un sistema. Lo stesso bisogno di incontro è stato espresso ieri tra i soggetti internazionali coinvolti e con il supporto di Slow Food proveremo a dar vita anche a un confronto internazionale sul lungo periodo.

    daniele

    Follow Me
    Tag
    Ultimi Articoli
    Archivio

    Enter Your Contact Form 7 Shortcode in Cone Options!

    © 2016 Federica Patti. Designed by Studioata.